Il Gambero Rotto su Radio Popolare

Something weird’s on the air. Stay tuned, folks!

radio
radio

Sapevo che questo momento sarebbe arrivato. Il mio impegno a favore della cultura italiana ha finalmente trovato il suo riconoscimento: sono stato infatti invitato a partecipare a Jalla! Jalla!, trasmissione pomeridiana di Radio Popolare Network, in veste di autore del famigerato Bondolizer, il generatore automatico di poesie di Sandro Bondi.

Di più non so dirvi, se non che è prevista una sorta di sfida tra un poeta di strada milanese ed il mio generatore. Chi volesse sintonizzarsi sulle frequenze dell’emittente milanese (le trovate qui) avrà – se non altro – l’occasione per farsi beffe della moscissima “erre” che da sempre affligge la mia voce (che altrimenti ricorderebbe quella di Barry White).

L’appuntamento è per domani, martedì 14 ottobre 2008, ad un’ora imprecisata tra le 14 e le 15.30. Qui il podcast di “Jalla! Jalla!”

Aggiornamento: disponibile la registrazione

Non mi dilungo in dettagli sulla trasmissione di ieri: spero solo di non aver rimediato la classica figura da cioccolataio (dopotutto, parlare in radio non è certo il mio mestiere). Un grazie al gentilissimo Paolo Maggioni, a Claudio Agostoni e Nello Avellani, gli autori del programma.

Per ascoltare la sfida tra il mio Bondolizer e Paolo, poeta di strada di Gratosoglio, rimando inoltre al sito di Popolare Network, con la scheda della puntata di Jalla! Jalla! di ieri, con lo spezzone dedicato al Bondolizer da ascoltare in streaming. Abbiate pietà di me…

il Gambero Rotto

Commenti

  1. Belfagor:

    Dibatterai con un poeta di strada milanese...Uhmm la cosa m'intriga. E' un cantastorie? Te lo chiedo, perché da anni mi occupo di questo tipo di comunicatori (a mio avviso sono stati loro gli antesignani della rete, ancor prima che fossero inventati i giornali e mooolto prima di Edison) eredi deglla tradizione aedica

    # 1 · Commento pubblicato il 13 ottobre 2008 alle 13:22 · Torna al post ↩
  2. il Gambero Rotto:

    Non ne so ancora nulla, cara Belfagor. Domattina forse ne saprò qualcosa di più.
    Stay tuned ;-)

    # 2 · Commento pubblicato il 13 ottobre 2008 alle 13:25 · Torna al post ↩
  3. Demart:

    Aaaaaaaaaaaaaaaaaaah! Domani non posso seguirti!!!!!!!!!!!!!

    # 3 · Commento pubblicato il 13 ottobre 2008 alle 13:53 · Torna al post ↩
  4. francesca:

    e uno con la erre moscia si sceglie come nickname Gambevo Votto? Di peggio mi vien in mente solo "ramarro" ;)

    # 4 · Commento pubblicato il 13 ottobre 2008 alle 21:53 · Torna al post ↩
  5. il Gambero Rotto:

    Pensa che una volta adevivo puve a Poteve Opevaio, mia cava Fvancesca…

    Demart: le braccine te le ho già spezzate una volta, per cui non infierirò. Potrai sempre rifarti col podcast di RadioPop.

    # 5 · Commento pubblicato il 13 ottobre 2008 alle 22:08 · Torna al post ↩
  6. Étranger:

    Cavoli. In effetti il "generatore automatico di poesie di Bondi" è un autentico capolavoro. Merita gloria.

    # 6 · Commento pubblicato il 13 ottobre 2008 alle 23:04 · Torna al post ↩
  7. Demart:

    Sottoscrivo. E poi il dolcestilbondi declamato da un Barry White con la erre moscia non l'avevo mai sentito (a parte il fatto che mi basta la mia di erre moscia, qualche anno fa volevo andare da un logopedista ma la pigrizia ha battuto la mia volontà).

    # 7 · Commento pubblicato il 14 ottobre 2008 alle 00:16 · Torna al post ↩
  8. Oscar Ferrari:

    la vedo male per il poeta di strada, col Sandro Bondi vero non avrebbe problemi, ma con quello automatico è durissima...

    # 8 · Commento pubblicato il 14 ottobre 2008 alle 00:41 · Torna al post ↩
  9. Bakunin:

    Vuol dire che oggi sei a Milano? Hai tempo per un aperitivo verso le 19:00?

    # 9 · Commento pubblicato il 14 ottobre 2008 alle 09:51 · Torna al post ↩
  10. il Gambero Rotto:

    @Bakunin: no, sarò in collegamento telefonico. Sarà per la prossima volta (sicuro di non tornare a votare?)

    @Demart: altro che logopedista, siine fiero. Certo che alcune frasi, in bocca a noi, perdono d’efficacia (“Poteve opevaio”, “Lotta duva senza pauva”, “Paghevete cavo, paghevete tutto”), ma alla lunga ci si abitua ;-)

    @Oscar & Étranger: troppo buoni. Il mio generatore manca poi ancora del necessario servilismo: ci lavorerò.

    # 10 · Commento pubblicato il 14 ottobre 2008 alle 10:00 · Torna al post ↩
  11. equipaje:

    Gambevo a Vadio Popolave e io al lavovo? :(
    Mi vifavò questa seva in diffevita, spevo. (SueVte!)

    # 11 · Commento pubblicato il 14 ottobre 2008 alle 11:18 · Torna al post ↩
  12. GattoMur:

    Sfiga, ho letto solo ora, quindi non ho potuto sentire. Helas!

    # 12 · Commento pubblicato il 14 ottobre 2008 alle 21:39 · Torna al post ↩
  13. il Gambero Rotto:

    Dopo la mia performance, a Radio Popolare han visto crollare gli ascolti e stracciati tutti i contratti pubblicitari ;-)
    Aggiornamenti a breve.

    # 13 · Commento pubblicato il 15 ottobre 2008 alle 09:41 · Torna al post ↩
  14. Bubu:

    Noooo cosa mi sono persaaa!!!

    # 14 · Commento pubblicato il 15 ottobre 2008 alle 14:27 · Torna al post ↩
  15. il Gambero Rotto:

    Puoi rimediare, cara Bubu: vai all’aggiornamento…

    # 15 · Commento pubblicato il 15 ottobre 2008 alle 14:35 · Torna al post ↩
  16. prittaceus:

    Io ti ho sentito, Gambevo Votto!!! Avrei votato per il Bondolizer... sono stata ispirata a scrivere un paio di "Bondolate" perfino io... Le ho mandate a Jalla! Jalla! Oggi le hanno lette in onda... Non lo sapevo... Ho sentito per caso... Stavo bevendo... Per poco non mi strozzo con l'acqua!!!!! Bondolisti di tutto il mondo - unitevi!

    # 16 · Commento pubblicato il 15 ottobre 2008 alle 22:39 · Torna al post ↩
  17. equipaje:

    Entrambi meglio dell'originale, comunque :D :D

    Bello sentirti in viva voce, Gambero :)

    # 17 · Commento pubblicato il 16 ottobre 2008 alle 02:47 · Torna al post ↩
  18. il Gambero Rotto:

    Benvenuta, gentile prittaceus, e grazie per il sostegno. Giusto che vincesse Paolo di Gratosoglio, anche se sono certo che alla distanza il Bondolizer avrebbe prevalso. Non ho sentito la puntata di ieri, e non è disponibile la registrazione delle tue “bondolate”: hai voglia di mandarmele? Trovi il mio indirizzo più in alto, nella colonna a destra.
    Buona poi l’idea di riunire tutti i “bondolisti” in un movimento d’opinione, dandoci magari la missione di convincere il Bardo di Fivizzano a poetare a tempo pieno. Dici che così non potrà più fare il ministro? Proveremo a farcene una ragione.

    Meglio dell’originale. Ti ringrazio, cara equipaje, anche se altri tuoi complimenti sono stati ben più gratificanti ;-)
    Andare in radio è stato divertente, spero di non aver annoiato nessuno; si vede che era tempo che usufruissi dei miei diciotto minuti e quarantacinque secondi di celebrità (ben sopra la media warholiana).

    # 18 · Commento pubblicato il 16 ottobre 2008 alle 07:46 · Torna al post ↩
  19. spillo:

    Ho sulla coscienza la sorte di alcuni amici a cui ho segnalato il bondolizer... dà dipendenza, non se ne esce... :)
    A parte la voce leggermente tremante, sei parso disinvolto.

    # 19 · Commento pubblicato il 16 ottobre 2008 alle 14:06 · Torna al post ↩
  20. il Gambero Rotto:

    Grazie dell’incoraggiamento, gentile Spillo. I tuoi amici? Li manderemo da Betty Ford a disintossicarsi (a spese del ministro, s’intende), purché non si mettano a cantare “They tried to make me go to rehab but I said ‘bond, bond, bond’…”

    # 20 · Commento pubblicato il 17 ottobre 2008 alle 10:13 · Torna al post ↩
  21. equipaje:

    Uno spiacevole misunderstanding, senza dubbio. Occorre dunque chiarire: questo poeta del Gratosoglio ha vinto perché era meglio o perché era peggio di te e/o dell'originale?

    equipaje, in vena di arrampicate sugli specchi ;)

    # 21 · Commento pubblicato il 17 ottobre 2008 alle 12:36 · Torna al post ↩
  22. Demart:

    Ti sto ascoltando or ora...

    Anche se la Carfagna non mi pare c'entri molto con "dazione negata"...

    Una cosa: il podcast è a tempo o rimane anche per anni?

    # 22 · Commento pubblicato il 17 ottobre 2008 alle 15:41 · Torna al post ↩
  23. il Gambero Rotto:

    Ciao Demart, non so dirti quanto possa rimanere online il podcast. È però possibile scaricare il file mp3 della registrazione, all’indirizzo:
    http://www.popolarenetwork.it/uploads/tx_trasmissioniradio/Bondolizer.mp3

    Bella domanda, cara equipaje, la cui risposta non sono però certo di voler conoscere ;-)

    # 23 · Commento pubblicato il 17 ottobre 2008 alle 16:04 · Torna al post ↩
  24. Demart:

    Finito di ascoltare. Grandissimi! Perché non assumi Paolo per un update del Bondolizer? È quasi meglio dell'originale (Bondi), anche se gli manca quel nonsoché... L'amore per il capo, per Cicchitto e per Elio Vito (rileggendo l'epitalamio per questo rimpianto desaparecido dei palinsesti tv -ah, i bei tempi in cui interrompeva tutti, anche se stesso...- noto una puntina di invidia nei confronti della sposina: sbaglio o il Nostro avrebbe voluto indossare lui l'abito bianco al fianco del Vito Vitale?)

    # 24 · Commento pubblicato il 17 ottobre 2008 alle 16:05 · Torna al post ↩
  25. il Gambero Rotto:

    C’è un limite a tutto, Demart. Elio Vito no, non si può rimpiangere Elio Vito.
    Riprenditi! ;-) Penso poi che con “dazione negata” il buon Paolo intendesse “dazione smentita”.

    # 25 · Commento pubblicato il 17 ottobre 2008 alle 16:33 · Torna al post ↩
  26. Demart:

    Ma il podcast è un'URL, vero?

    # 26 · Commento pubblicato il 17 ottobre 2008 alle 17:03 · Torna al post ↩
  27. il Gambero Rotto:

    Non esattamente: un podcast è una registrazione digitale di “qualcosa”, un file audio o video, raggiungibile tramite un URL.

    Vedi: http://it.wikipedia.org/wiki/Podcasting

    # 27 · Commento pubblicato il 18 ottobre 2008 alle 09:33 · Torna al post ↩
  28. Demart:

    Ah, ecco. Il fatto è che non riesco a scaricare il file dall'indirizzo che mi hai dato. Ho salvato su iTunes l'URL.

    # 28 · Commento pubblicato il 18 ottobre 2008 alle 13:30 · Torna al post ↩
  29. il Gambero Rotto:

    Strano, il link funziona. Per salvarlo in locale, dovrebbe essere sufficiente cliccarlo tenendo premuto Ctrl + tasto “Mela” (o direttamente col tasto destro) e scegliere “Salva collegamento come”.

    # 29 · Commento pubblicato il 20 ottobre 2008 alle 08:02 · Torna al post ↩
  30. Demart:

    Fatto. Perfetto, salvato e si sente benissimo (solo che poi ho dovuto copiarlo parecchie volte su iTunes perché ogni volta mi dava una durata diversa ma sempre inferiore ai 18 minuti e 46 secondi e poi, quando era completo, aveva un titolo diverso: "Valerie").
    A proposito, mentre scrivevo le Informazioni su iTunes mi è venuta l'illuminazione: la data del 14 ottobre è casuale o voluta?

    # 30 · Commento pubblicato il 20 ottobre 2008 alle 15:27 · Torna al post ↩
  31. il Gambero Rotto:

    Credo proprio che la scelta sia stata casuale, anche se ti confesso che mi sfugge a quale fatto avvenuto il 14 di ottobre tu ti riferisca. La battaglia di Hastings, la “marcia dei quarantamila”, l’anniversario della morte di Errol Flynn? Spero non le primarie per la fondazione del PD.
    Scoprire poi (come ho fatto or ora) la coincidenza tra la data della “marcia dei quarantamila” e quella delle primarie per la fondazione del PD di “illuminazioni” ne dà, eccome se ne dà…

    # 31 · Commento pubblicato il 21 ottobre 2008 alle 07:13 · Torna al post ↩
  32. Belfagor:

    Gamberetto, ti ho ascoltato solo ora. Io la sfida l'avrei chiusa ex aequo: non si possono fare graduatorie sull'arte pura di stile bondiano!!!
    La tua "r" francese ti dà un'aria un po' sorniona e blasé: ci credo che perdevano efficacia gli slogan "duvi e puvi" che circolavano nel movimento!!!
    Passiamo ad altro:Dì la verità...non sei un cultore di numerologia, vero? Certo la battaglia di Hastings...e poi la sequenza marciadeiquarantamila-fondazionePD-sfida radiofonica...la data avrebbe dovuto insospettirti e farti pensare che gli auspici non erano i migliori.

    Quanto alla coincidenza di date tra la marciadeiquarantamila e le primariedellafondazionedelPD dà da pensare...e se la scelta non fosse casuale? La marciadeiquarantamila sancì la révanche del padronato, e la lenta agonia della classe operaia come classe... Le primarieperlafondazionedelPD hanno sancito, almeno per una tornata elettorale, la fine della sinistra parlamentare. E' il meccanismo perverso della storia che ciclicamente in alcune date fa accadere un qualcosa di simile o un qualcosa che assomiglia alla legge del contrappasso (prendi l'11 settembre, per esempio)?

    Comunque...peccato che quello tuo non sia anche un blog vivavoce: sarebbe carina una sfida tutta a base di frasi ricche di "r" tra te e Demart!!!

    # 32 · Commento pubblicato il 21 ottobre 2008 alle 18:38 · Torna al post ↩
  33. Demart:

    Ahahahahahahahah... ho un'umorista in casa!

    # 33 · Commento pubblicato il 22 ottobre 2008 alle 00:58 · Torna al post ↩
  34. il Gambero Rotto:

    Ti prego di non definirmi blasé, Belfagor.
    Ne va della mia immagine da “vude montanavo”.

    Sulla questione “marciadei… – primariedella…”, ritengo più probabile che il 14 di ottobre sia semplicemente una data in cui tendono a verificarsi eventi infausti, come battaglie, sconfitte sindacali, nascite di partiti mosci, pubbliche letture delle poesie di Sandro Bondi. Senza contare la morte di Errol Flynn, uno dei miei idoli.

    # 34 · Commento pubblicato il 23 ottobre 2008 alle 10:47 · Torna al post ↩

Naviga nel Gambero Rotto