Il generatore di poesie di Sandro Bondi

Automated “Bond River Anthology”

Giardino delle delizie

Si conclude la mia trilogia dedicata al mite Sandro Bondi, ministro dei Beni Culturali con la passione per la poesia. Vi ho presentato un’antologia delle sue liriche più riuscite, mi sono preoccupato per una certa stasi creativa nella poetica del Nostro: pur consapevole della modestia dei miei mezzi, grande è la mia lietezza di aver potuto dare un contributo alla maggior conoscenza di una voce di tanto possente ispirazione.

Perché tornare sul tema? A spingermi è il timore che il nuovo ruolo di ministro – certo più impegnativo di quello di coordinatore di Forza Italia – possa togliere a Bondi troppo del tempo che ha finora così proficuamente potuto dedicare alla poesia. Come faremmo senza la nostra pillola settimanale di poetica bondiana? L’attesa del prossimo numero di Vanity Fair è di per sé abbastanza estenuante; l’idea che possa protrarsi per periodi più lunghi è francamente inaccettabile.

Ho pertanto pensato bene di rendere un servizio di pubblica utilità a tutti gli ammiratori del Bardo di Fivizzano, imponendo al potente Dipartimento Informatico de il Gambero Rotto di programmare un generatore automatico di poesie nello stile di Sandro Bondi. Una grande sfida, uno sforzo immane (ha infatti richiesto quasi un’ora di lavoro), il cui risultato vado ora a presentarvi.

Ladies and gentlemen… ecco a voi il Bondolizer 1.0 beta!

Per generare una nuova poesia di Sandro Bondi è sufficiente cliccare sull’icona “Bondolize!”: non è necessario ricaricare l’intera pagina.

 

La Trilogia Bondiana de il Gambero Rotto

  1. L’approfondimento. Un’antologia delle più belle poesie di Sandro Bondi

  2. La stasi creativa. «Sandro Bondi: un poeta ai Beni Culturali»

  3. Crisi d’astinenza? Prova il generatore automatico di poesie di Sandro Bondi

Aggiornamento: il Bondolizer a Radio Popolare Network

Aggiornamento #2: il Bondolizer su Vanity Fair

Vanity Fair sul Bondolizer, n. 42 del 22.10.2008
 

il Gambero Rotto

Commenti

  1. Lolindir Faelivrin:

    Ecco la mia poesia in stile Bondi
    Assaporato animo
    sublime saggezza.
    Spericolato nero.
    Nel solco delle tue natiche amato soccorso.
    Bagna caôda di madre

    grazie per il servizio che hai reso a noi povere anime aride!!!!

    PS: su firefox e safari tutto ok

    # 1 · Commento pubblicato il 14 maggio 2008 alle 22:25 · Torna al post ↩
  2. il Gambero Rotto:

    Il bug con Internet Explorer è stato finalmente eliminato, ed ora (quasi) tutti hanno la possibilità di dilettarsi col Bondolizer.

    Grazie del contributo e dei test, gentile Lolindir.

    Nel mentre ti rispondo il generatore ha restituito un singolare «Nel solco delle tue natiche dolente allegria», dedicato a “Pieremilio Schifani in Berlusconi“ ;-)

    # 2 · Commento pubblicato il 15 maggio 2008 alle 11:04 · Torna al post ↩
  3. Old Sister:

    “A Madia”
    Nera madre.
    Dalle tue ascelle misticismo di bellezza.
    Nei tuoi sguardi poema di rose
    tra le tue braccia speziata beltà
    amplesso della fede

    "Dalle tue ascelle misticismo di bellezza"?
    Calliope, Erato, Euterpe, Polinnia e Talia impallidiscono dinnanzi a cotanta divina ispirazione, ma anche...umilmente consigliano un buon deodorante!

    # 3 · Commento pubblicato il 15 maggio 2008 alle 14:05 · Torna al post ↩
  4. Marco Di Pasquale:

    Vorrei tanto anch'io misurarmi nella tenzone bondiana ma non mi sopravvaluto e tengo umilmente a freno i tasti del PC. Ringrazio il Gambero Rotto per l'ingegnoso generatore di lacerti poetici del Sommo che tanto sollazza l'anima mia. mdp

    # 4 · Commento pubblicato il 17 maggio 2008 alle 15:46 · Torna al post ↩
  5. davide:

    Mamma mia ragazzi.. complimenti per l'idea! Micidiale..

    # 5 · Commento pubblicato il 25 maggio 2008 alle 18:44 · Torna al post ↩
  6. Led Zeppelin:

    A Bondi:
    nel solco delle tue natiche belluino fetore
    nera politica
    sguardo lacrimoso
    nemesi cerebrale
    sempreverde lamento
    sul tuo viso
    natica coraggiosa
    sul tuo labbro
    scorreggia impertinente
    parole odorose
    di letame.
    sempiterna attesa di divina giustizia che da te ci liberi.

    # 6 · Commento pubblicato il 6 giugno 2008 alle 17:36 · Torna al post ↩
  7. il Gambero Rotto:

    Le mie scuse ed i miei ringraziamenti a percvlator, il cui commento è finito per errore sotto la scure del filtro antispam (e di un mio click troppo affrettato).

    # 7 · Commento pubblicato il 15 giugno 2008 alle 13:40 · Torna al post ↩
  8. Francesco:

    Spero che chi ha creato questo programma non abbia fatto a mano il conteggio delle occorrenze, io sarei morto a dover leggere e rileggere quelle 'cose'. Ma per pietà!, è laureato in lettere a Pisa con 110, come può scrivere versi simili?! Mi vien voglia di lasciare l'università...

    # 8 · Commento pubblicato il 8 luglio 2008 alle 22:47 · Torna al post ↩
  9. il Gambero Rotto:

    Non temere, Francesco: il complesso processo stocastico che sta alla base delle poesie di Bondi è riassumibile con l’espressione “parole a cazzo”. Capirlo ed applicarlo ad un semplice script non mi ha certo richiesto notti insonni ;-)

    # 9 · Commento pubblicato il 9 luglio 2008 alle 10:56 · Torna al post ↩
  10. Demart:

    Ottima analisi, Gambero. Hai mai pensato di darti alla critica letteraria? Leggerei volentieri eventuali tuoi saggi critici piuttosto che alcuni "mattoncini" che purtroppo bisogna leggere se ci si vuole laureare in Lettere e non semplicemente prendersi il pezzo di carta...

    # 10 · Commento pubblicato il 9 luglio 2008 alle 14:32 · Torna al post ↩
  11. Visti dal basso:

    Visti dal basso - Alto Adige del 24/8/08 - a cura di S. Camin:

    POETABONDI E IL FUTURO DI MANIFESTA

    Quando a fare il ministro della cultura c’è uno come Bondi, l’unica speranza è che si prenda spesso delle vacanze. La grande sfiga è se le vacanze le prende proprio a casa tua. È a Merano e potrebbe approfittarne per farsi due belle pagaiate tra le rapide del Passirio rinnovando qualche nostra speranza e invece no, si mette a parlare di cultura. Ci ha spiegato che a lui l’arte contemporanea non piace mica perché non la capisce. Confesso che lo immaginavamo. Per un attimo abbiamo pensato di trovare qualcuno che gliela spiegasse ma non siamo riusciti a trovare nessun esperto che ci stesse sulle balle così tanto da fargli tentare l’impossibile. D’altra parte o uno fa il ministro della cultura oppure è colto. Anche se si fa parte della servitù del cavaliere non è che si può fare ed essere tutto. In effetti però il Bondi qualcosa d’altro fa, scrive poesie. Certo! Il Bondi è poeta. Eccovi due esempi della produzione di Poetabondi. “Antro d’amore/Rombo di luce/Parole del sottosuolo/Fiume di lava/Ancora di salvezza” (a Giuliano Ferrara e vi giuro che non è uno scherzo!). “Mani dello spirito/Anima trasfusa./Abbraccio d’amore/Madre di Dio.” (a Rosa Bossi Berlusconi, per l’appunto madre di Dio). Pare che Poetabondi, non avendo mai avuto nessuna storia con il suo Dio, che preferisce notoriamente le ministre, sia stato fatto ministro proprio in quanto poeta. Non capisce l’arte contemporanea? Considerando quello che scrive se la capisse sarebbe preoccupante. Visto che a Merano sta anche cercando di tirare fuori Capelliebasta dal guano in cui l’ha messa lui, gli suggeriamo un nuovo breve testo: “Chioma stirata/Novella partenopea/Di te auspico il ritorno/per la gioia del Nutella.” E se la prossima volta al posto di Manifesta mettessimo su un bel festival di poesia? Poetabondi, continua a scrivere che non si sa mai.

    # 11 · Commento pubblicato il 24 agosto 2008 alle 09:38 · Torna al post ↩
  12. Demart:

    Beh, oddio, neanch'io capisco l'arte contemporanea, anche perché molto spesso non c'è nulla da capire: trattasi di grandi furbate (tagliare una tela, buttare schizzi di colore, costruire oggetti senza capo né coda) e poi appiopparci posticciamente un concetto totalmente estraneo all'"opera d'arte" tipo "la decostruzione del soggetto", "l'angoscia della solitudine esistenziale", "lo specchiarsi nell'Altro-da-Sé" eccetera. Tutto per darsi un tono e per fare soldi. Che ne pensi, Gambero?

    # 12 · Commento pubblicato il 26 agosto 2008 alle 17:47 · Torna al post ↩
  13. Demart:

    Si vedano le "opere d'arte" montate ogni anno a Napoli, in Piazza del Plebiscito, dalla montagna di sale ai teschi, a quella specie di labirinto rosso (che io credevo fosse la copertura dell'opera d'arte e poi ho scoperto essere l'opera d'arte).

    # 13 · Commento pubblicato il 26 agosto 2008 alle 17:48 · Torna al post ↩
  14. il Gambero Rotto:

    Bella gatta da pelare che mi dai, Demart. Mi stai forse chiedendo un trattato di estetica? Attenzione, prima o poi potrei anche raccogliere la sfida ;-)

    Non posso escludere che le opere da te citate siano delle solenni ciofeche, ma preferisco astenermi da giudizi per i quali non ho sufficienti elementi.
    L’arte contemporanea è certo infestata da pletore di ciarlatani e venditori di fumo, ma è sbagliato liquidarla come fa Sandro Bondi, vale a dire partendo da presupposti sbagliati e pretestuosi.

    Il Bondi fatica a trovare «segni di bellezza» nell’arte contemporanea? Si risparmi la fatica: non ne troverà, almeno nel senso in cui li intende. Si rivolga piuttosto a persone competenti (da ministro ne avrà certo l’opportunità) e si faccia suggerire chiavi di lettura più appropriate. Significare la bellezza non è infatti compito di quest’arte, cui semmai spetta di abusarne. Un’interessante lettura al proposito è L’abuso della bellezza. Da Kant alla Brillo Box di Arthur C. Danto (Ed. postmedia 2008).

    Sono però certo che gli artisti – vivi e morti – di manifesta7 non avranno troppo a rammaricarsi dei sommarî giudizi di Bondi: se la bellezza che egli va cercando è infatti quella che si può trovare nei suoi versi, saranno anzi ben lieti del fatto che nelle loro opere non se ne trovi traccia. Non sei d’accordo?

    # 14 · Commento pubblicato il 27 agosto 2008 alle 12:49 · Torna al post ↩
  15. il Gambero Rotto:

    Aperto il “dibbbattito”!

    “L'arte contemporanea? Non ci capiamo niente"

    Sia da destra che da sinistra ammettono di «essersi fermati al liceo»

    Francesca Schianci - Roma

    «Rispetto tutti per non apparire ignorante, ma quando vedo quelli che magnificano robe tipo un pannello tutto grigio non so se sono stupido io o loro», confessa subito Maurizio Gasparri, capogruppo al Senato del Pdl.

    Il caso l’ha tirato fuori il ministro della Cultura, Sandro Bondi: lui, che l’incontro della vita (con Berlusconi), lo deve a un artista contemporaneo (Pietro Cascella, da poco scomparso), ha dichiarato che «faccio fatica a trovare segni di bellezza nell’arte contemporanea: se visito una mostra faccio come molti, cioè fingo di capire. Ma, sinceramente, non capisco». Sinceramente, tra questi molti, ci saranno anche i nostri politici?

    «Encefalogramma piatto: l’arte contemporanea non mi piace e non la capisco», ammette candido il leghista Paolo Grimoldi, membro della Commissione cultura alla Camera. «Bondi non capisce? Anch’io: mi è capitato di entrare in una mostra e dopo cinque minuti tornare all’ingresso e salutare. Anche a teatro, di andarmene alla fine del primo tempo», racconta il deputato del Carroccio Matteo Salvini. «I tagli nelle tele? Possono pure valere miliardi, non mi dicono niente. Tantomeno la “Merda d’artista” di Piero Manzoni: è solo cacca sottovuoto».

    Riconosce di trovarsi in difficoltà anche il ministro Renato Brunetta: «Se non capisco tendo a dare la colpa a me stesso, poi però penso che l’autore poteva usare strumenti tali da farsi capire. L’arte deve essere sempre popolare senza bisogno di grandi spiegazioni».

    Preferisce «i grandi pittori del passato» il sottosegretario Carlo Giovanardi, però ad esempio concede che «come si chiama quello dei tagli? Ah, sì, Fontana: beh lì c’è un’idea geniale». Ma «di arte contemporanea non ne parli a me: a Modena stanno restaurando la torre della Ghirlandina, e l’hanno coperta con un telo di Mimmo Paladino (uno degli artisti della Transavanguardia, ndr), turbando lo skyline della città. Non si può. Cosa c’è sul telo? Mah, colori...». «E’ vero: tanti fingono di capire», secondo l’ex ministro Luigi Nicolais, Pd. «Alle mostre? Ogni tanto vado». Vanessa Beecroft, Christian Boltanski... «Non li conosco. Ma sa, sono un ingegnere. E poi visito mostre più tradizionali».

    «Lodo la sincerità del ministro Bondi», esordisce Giovanni Bachelet, del Pd, Commissione Cultura alla Camera. «Le mie conoscenze artistiche? Si fermano al liceo classico: un’ora a settimana, siamo arrivati a Raffaello. Mostre? Non ho molto tempo libero: prima di andare consulto Google, così so cosa mi aspetta».

    Gabriella Giammanco, giovane deputata Pdl in Commissione Cultura, spiega di aver appena visto una mostra di Renoir. «L’arte contemporanea? Non vado mai sprovveduta: o con qualcuno che me la illustra o con l’audioguida». Maurizio Cattelan? «Lo conosco ma non mi chieda le opere che ha fatto, non sono un’esperta».

    Non è un esperto nemmeno Walter Verini, già braccio destro di Veltroni alla guida di Roma, che però «solo perché siamo concittadini», conosceva bene Alberto Burri. Vent’anni fa accompagnò Monica Bellucci a vedere uno dei musei dedicati all’artista, a Città di Castello: «Un concentrato di bellezza», ricorda oggi. Ma non si sa se parlasse di Monica o dei sacchi dell’artista

    http://www.lastampa.it/redazione/cmsSezioni/politica/200808articoli/35620girata.asp

    # 15 · Commento pubblicato il 29 agosto 2008 alle 15:45 · Torna al post ↩
  16. Demart:

    Allora. Un conto è Emilio Greco, che è un ottimo artista, espressivo e comprensibile. Un conto è Picasso, artista grandioso in alcune opere, ma non all'altezza in altre. E un conto sono gli stuoli di pittori, scultori e architetti che spesso spacciano supreme cagate per grandi opere concettuali. Il concetto magari (in alcuni) ci sarà. Ma un conto è esprimerlo come in "Guernica" di Picasso o nell'"Urlo" di Munch, dove anche la violenza dei colori esprime l'angoscia e la violenza dei sentimenti, oppure nelle opere oniriche e inquietanti di un Odilon Redon. Un conto è "esprimerlo" tagliando una tela, facendo dei rettangoli colorati (Mondrian e Paul Klee: bei colori, ma quei quadri non dicono niente e soprattutto non vedo cosa c'entrino con i "concetti" ad esse giustapposti), scolpendo figure incomprensibili o creando/progetando costruzioni assurde (e non ce l'ho affatto con Escher, che reputo un genio).

    # 16 · Commento pubblicato il 2 settembre 2008 alle 12:26 · Torna al post ↩
  17. Demart:

    Chiedo venia (mi veniva da dire "Che Dio mi perdoni", ma sono ateo) se mi trovo a condividere pensieri con i vari Bondi e Brunetta (Gasparri non si preoccupi: les deux, cher Maurizio, les deux), ma vorrei vedere quanti degli "esperti" (artisti e critici) capiscono qualcosa in talune opere e soprattutto se ci intravedono il famoso "concetto"...

    # 17 · Commento pubblicato il 2 settembre 2008 alle 12:29 · Torna al post ↩
  18. il Gambero Rotto:

    È indubbio, caro Demart, che nel mondo dell’arte contemporanea di fuffa ne giri, e neppure in dosi omeopatiche. Sono davvero in pochi a poterne parlare con sufficiente cognizione di causa, e ben lungi da me è l’idea di potermici collocare.

    È poi assolutamente legittimo che tu ti aspetti che l’arte sappia veicolare – e pure coerentemente – un concetto, e che in base a questa corrispondenza tu possa esprimere giudizi, che in parte posso anche condividere; molteplici sono però i metri di giudizio, nessuno dei quali per definizione agli altri superiore. Il “concetto” è del resto spesso solo un evanescente pretesto, a contare sono ora le suggestioni, fors’anche vaghe e confuse, ora le reazioni, rigetto compreso, che l’arte può evocare e suscitare. Interpretazioni forzose, svarioni, velleitarismi, «processi, appelli, controappelli, cappelli e cappellate» vanno poi messi in conto, strettamente connaturati come sono alla dialettica artista–mercato–fruitore (e viceversa, in ogni ordine possibile).

    Stiamo però perdendo di vista la questione qui dirimente: è opportuno che un ministro della Cultura si esprima così a proposito di qualcosa, pur di sua competenza, di cui però – per sua stessa ammissione – nulla capisce? Nessuno obbliga Bondi a farsi piacere l’arte contemporanea, ci mancherebbe. Lo si invita soltanto ad essere meno lapidario, nel suo stesso interesse. Un ministro “vero” si sarebbe espresso in ben altri termini, tipo: «Non dispongo di tutti gli elementi per poter esprimere un giudizio immediato, ma posso assicurare che al Ministero disponiamo delle risorse e delle competenze per verificare che le attività museali ed espositive finanziate con pubblico denaro corrispondano ai requisiti di qualità e di sostenibilità economica che ci prefiggiamo».

    Guai però a scordarci che stiamo pur sempre parlando dell’autore di «Vita assaporata / Vita preceduta…», il che rende quanto meno inopportune le sue scomuniche a qualsivoglia forma d’arte, foss’anche la danza dei pidocchi ammaestrati ;-)

    Un abbraccio, lettori come te e Belfagor sono il sale di questo blog.

    # 18 · Commento pubblicato il 2 settembre 2008 alle 12:59 · Torna al post ↩
  19. Demart:

    Appunto, caro Gambero. Il problema è proprio questo: che le supreme cagate di cui sopra nascono per veicolare concetti, e come veicoli di concetti sono trattate dai critici e dagli autori stessi (ricordati l'immortale episodio di "Dove vai in vacanza?" con Alberto Sordi e Anna Longhi). Tutta questa produzione pseudoartistica da un lato scredita la vera arte (ormai tutti possiamo fregiarci dell'appellativo di "artista"...), dall'altra offre argomenti a cialtroni come il Montale di Fivizzano o come quello che non capisce se è scemo lui o gli artisti (les deux, cher Maurizio, les deux)...
    A proposito, grazie del bellissimo complimento.

    # 19 · Commento pubblicato il 2 settembre 2008 alle 15:32 · Torna al post ↩
  20. MDC:

    Scusate se m'intrometto. Mi sono imbattuto in questo blog e vorrei exprimere qualche opinione su quanto ho letto:

    1. Tutti parlano di arte contemporanea e non la capiscono. Perché, quanti di costoro veramente capiscono la vergine delle rocce o la tempesta? Ho il sospetto che lo più chi parla in certi termini dell'arte contemporanea delle opere classiche capisce il "disegnino", senz'altro fatto meglio di quanto potremmo fare noi miseri mortali. Tutto il resto che rende di tali opere dei capolavori chi lo capisce?

    Per "capire" l'arte bisogna essere degli specialisti o almeno studiare quello che essi ci dicono, così come per capire la Filosofia o la Matematica.

    In sostanza, ciascuno di noi è libero di esprimere un giudizio personale di gusto, ma dire che non si capisce un'opera o un genere artistico è semplice ammissione di ignoranza.

    Vero è che spesso tale ammissione costituisce un vezzo che molti adottano, ma mi domando: è giusto che chi rappresenta la Cultura nel nostro paese e dovrebbe tutelarla e promuoverla faccia simili ammissioni (quantunque vezzose) d'ignoranza?

    2. Vorrei complimentarmi con gli autori delle poesie Bondesche: delle grandissime Bondate - senza offesa, s'intende. :)

    3. L'autore del Bondolizer merita il premio Nobel per la fisica. Per cortesia, qualcuno scriva al comitato Nobel a Stoccolma, grazie! Saluti.

    # 20 · Commento pubblicato il 16 settembre 2008 alle 22:17 · Torna al post ↩
  21. il Gambero Rotto:

    Gentile MDC, qui le intromissioni, se così vogliamo chiamarle, sono più che ben accette, soprattutto se sensate e pertinenti come la tua. L’autore del Bondolizer ringrazia per la candidatura ;-)

    # 21 · Commento pubblicato il 22 settembre 2008 alle 12:42 · Torna al post ↩
  22. ivo:

    idea eccezionale
    l'unica cosa che non mi e' chiara e' perche' lo script mescola nomi e cognomi dei personaggi invece di tenere quelli originali - secondo me sarebbe pu' efficace usando nomi veri magari anche al di fuori del solo mondo politico

    # 22 · Commento pubblicato il 14 ottobre 2008 alle 14:53 · Torna al post ↩
  23. il Gambero Rotto:

    Gentile Ivo, il Bondolizer genera anche i nomi dei destinatari per sottolineare come anche quelli delle poesie di Bondi (“A Silvio” esclusa, che a nessun altro potrebbe essere stata dedicata) siano assolutamente intercambiabili, vista l’assenza di qualsiasi nesso tra i versi ed i personaggi cui il Bardo di Fivizzano li dedica.
    Il verso Antro d’amore ti fa forse pensare a Giuliano Ferrara? Perché allora non dedicarlo a Pierpierferdinando Carfagna?

    Più semplicemente, mi divertiva di più così ;-)

    # 23 · Commento pubblicato il 15 ottobre 2008 alle 10:05 · Torna al post ↩
  24. Michele:

    Che bello credo di aver trovato il modo di farmi due risate quando sono giù di morale: leggendo le poesie di Bondi!!!!!!!

    # 24 · Commento pubblicato il 27 ottobre 2008 alle 22:30 · Torna al post ↩
  25. massimo:

    complimenti per la vostra idea geniale, molti "ignotipoeti" grazie al Bondolizer potranno far sfoggio della loro capacità e da quel che ho letto... superano il maestro.
    qualora riusciate ad allargare il campo d'azione che ne dite di far le BONDIADI? magari il vincitore sarà premiato dal Vate.
    buon lavoro a tutti voi

    # 25 · Commento pubblicato il 13 dicembre 2008 alle 15:48 · Torna al post ↩
  26. Mister No:

    Il Bondolizer è una grande invenzione!
    Comunque, come io sostengo, la realtà supera sempre la fantasia.
    In questo senso, dovremo forse aspettarci altri strampalati exploit da parte di Sandro "James" Bondi?
    Probabilmente si, e forse la prossima poesia la dedicherà "a Gigi Marzullo" oppure all'unghia del suo pollice sinistro.
    Ma se il futuro rimane sempre un'incognita, a testimoniare la grande creatività di questo pseudo-poeta politico, rimaranno sempre le perle contenute ad esempio in questo blog compresa quella dedicata "A Silvio".
    Eh già...rimango affascinato da questi versi...come Lancillotto credeva in Camelot (se vi ricordate il film), Sandro Bondi crede in Silvio...è stato lui la sua illuminazione, è diventato lui il suo ideale di vita.
    Nano malefico a parte, non è escluso il rischio, se andiamo avanti di questo passo, che i nostri figli o alla meglio, i nostri nipoti, un giorno o l'altro si ritrovino sui libri di letteratura, le opere dell'Esimio...
    ...e ho detto tutto! Bellissimo blog...ciao Gambero! Saluti!

    # 26 · Commento pubblicato il 11 gennaio 2009 alle 01:52 · Torna al post ↩
  27. herygood:

    poesia alla sandro bondi:
    Estirpo sagaci parole
    da questa terra arida e aspra
    or'dunque penso con particolare meditazione
    quanto il genere umano possa
    rinchiudersi dentro un fugace lamento:
    iddio can

    # 27 · Commento pubblicato il 30 gennaio 2009 alle 14:07 · Torna al post ↩
  28. sam:

    Buon Dio Celeste
    Buondì con cioccolata
    Bondi poeta di cacca

    # 28 · Commento pubblicato il 26 marzo 2009 alle 03:34 · Torna al post ↩
  29. pasionaria:

    a bindobondo

    volto di cera
    bianco bitume,
    moccolo santo
    stimoli il pianto
    uccello padulo
    faccia di ****

    (Littizzetto style)

    # 29 · Commento pubblicato il 30 marzo 2009 alle 13:10 · Torna al post ↩
  30. andrea:

    A Mara Carfagna:

    Sole Cuore Amore
    Bella gnocca
    Di bianco vestita (ma anche no)
    Catatonicamente nostra

    # 30 · Commento pubblicato il 1 aprile 2009 alle 13:42 · Torna al post ↩
  31. DominikZauber:

    nello sconfinato oceano di frivolezze aride che ammorba la rete questo è finalmente un servizio utile agli amanti del Bello.
    Solo un piccolo appunto, il generatore va perfezionato perché genera poesie migliori di quelle del Bardo!

    # 31 · Commento pubblicato il 4 aprile 2009 alle 16:35 · Torna al post ↩
  32. Dario de Judicibus:

    Questo SPLENDIDO articolo mi ricorda il famoso scherzo delle teste di Modigliani di tanti tanti anni fa... immaginate di usare un generatore automatico di poesie come questo tarato sullo stile di un qualche autore ermetico famoso come Ungaretti o Montale e di generarne sei o sette da far passare come poesie ritrovate in un qualche cassetto... secondo voi quanti illustri critici ci cascherebbero?

    # 32 · Commento pubblicato il 27 maggio 2009 alle 10:53 · Torna al post ↩
  33. Diecene:

    Ciao a tutti! La mia é
    “A Noemi Yespica”

    Umiltà della gioia
    sotto il cappuccio tacito karaoke.
    Amata polvere
    patimento verde
    astuta tenerezza.
    Sul tuo labbro aulentissimo inverno.
    Anima alla griglia.

    # 33 · Commento pubblicato il 29 maggio 2009 alle 14:06 · Torna al post ↩
  34. Raffaele Abbate:

    Bondi Rientra nella tipologia POETONZI
    secondo il mio studio qui riportato
    http://www.neteditor.it/node/96302

    potrebbe partecipare al premio nazionale POESONZE
    http://www.facebook.com/group.php?gid=39368719894

    # 34 · Commento pubblicato il 2 giugno 2009 alle 09:02 · Torna al post ↩
  35. il Gambero Rotto:

    Molto divertente il generatore di articoli di Libero, merita un’occhiata.

    # 35 · Commento pubblicato il 11 giugno 2009 alle 11:16 · Torna al post ↩
  36. Ars:

    beh, geniale! da brevettare e vendere personalizzato per poeti in crisi d'ispirazione ;)

    # 36 · Commento pubblicato il 3 luglio 2009 alle 12:07 · Torna al post ↩
  37. il Gambero Rotto:

    Anche ellekappa sembra essere rimasta folgorata dalle poesie di Sandro Bondi: qui la sua nuova rubrica Versi Perversi su Repubblica, in cui reinterpreta a modo suo le liriche del Vate di Fivizzano.

    Mi sia però concesso di rivendicare una certa qual primogenitura in fatto di satira sulle poesie di Bondi, cui mi dedico (con tanto di certificazione ufficiale di Vanity Fair) fin dal lontano settembre 2007: mi piace pensare di aver contribuito alla conoscenza del talento poetico del ministro.

    # 37 · Commento pubblicato il 16 luglio 2009 alle 09:18 · Torna al post ↩
  38. Germano:

    Ciao a tutti. Ho apprezzato moltissimo il tool. Ecco la mia, che gia' mi piace e che ho imparato a memoria. Grazie Bondi per le tue perle!!

    " Sulle tue spalle inquietudine dello spirito
    sul tuo ventre umile afrore
    anima lieve
    femminilità immanente
    ubertosa umiltà.
    Compassionevole barbaglio
    Regina di padre. "

    # 38 · Commento pubblicato il 17 luglio 2009 alle 20:51 · Torna al post ↩
  39. Carlo Ivo Alimo Bianchi:

    Se ti pago facciamo il ***********? Famo i miGLiardi con la "GL"!!!

    # 39 · Commento pubblicato il 20 luglio 2009 alle 19:14 · Torna al post ↩
  40. il Gambero Rotto:

    Buona idea, Carlo (tant’è che l’ho “censurata” perché non ce la freghino). Se ne può parlare ;-)

    # 40 · Commento pubblicato il 21 luglio 2009 alle 12:40 · Torna al post ↩
  41. scorry:

    Generatore poetico

    Alchimista di spasimi fluidi
    miscelatore di acque reflue
    coltivatore indiretto di verbi
    esaltatore di giorni madidi.

    # 41 · Commento pubblicato il 29 luglio 2009 alle 13:02 · Torna al post ↩
  42. Yougeeaw:

    Ho notato che leggendo sulle etichette di certi prodotti (in questo caso, shampoo) si possono generare delle "poesie" che non hanno molto da invidiare a quelle del Nostro. Un esempio:

    Olio di riso
    Fragranza di loto
    Forza e brillantezza
    Uso frequente

    # 42 · Commento pubblicato il 23 agosto 2009 alle 18:14 · Torna al post ↩
  43. tommy snello:

    genio

    # 43 · Commento pubblicato il 30 settembre 2009 alle 00:11 · Torna al post ↩
  44. il Gambero Rotto:

    Sempre in tema di generatori, segnalo una vera chicca: l’Ascani-o-matic Professional™, emulatore di monologhi di Ascanio Celestini.

    # 44 · Commento pubblicato il 12 ottobre 2009 alle 12:09 · Torna al post ↩
  45. il Gambero Rotto:

    Sempre in tema di generatori, segnalo un’altra vera chicca: il generatore di cazzatine mondane à la Carlo Rossella

    Un assaggio: (purtroppo non più disponibile)

    # 45 · Commento pubblicato il 19 ottobre 2009 alle 10:38 · Torna al post ↩
  46. Eugenia:

    Ho conosciuto questo blog tramite un amico al quale avevo fatto leggere una "C.....a" bondiana e che, preoccupato del mio smarrimento ha voluto
    che trascorressi un'ora in allegria. Ci è riuscito!!!!!!!
    Gambero sei forte!

    # 46 · Commento pubblicato il 8 novembre 2009 alle 16:50 · Torna al post ↩
  47. il Gambero Rotto:

    Commenti come il tuo, gentile Eugenia, se da un lato fanno davvero piacere, vellicano dall’altro pericolosamente la mia autostima: corro ad indossare il cilicio (non prima di averti calorosamente ringraziata).

    # 47 · Commento pubblicato il 11 novembre 2009 alle 11:26 · Torna al post ↩
  48. salvo vitale:

    Voi cristiani, ebrei, musulmani, buddisti,
    induisti,scintoisti,avventisti, satanisti,
    testimoni di questo e di quello,
    guru, maghi, streghe,santoni,
    quelli che tagliano la pelle del pistolino ai bambini,
    quelli che cuciono la passerina alle bambine,
    quelli che pregano ginocchioni,
    quelli che pregano a quattro zampe,
    quelli che pregano con una gamba sola,
    quelli che non mangiano questo e quello,
    quelli che si segnano con la destra,
    quelli che si segnano con la sinistra,
    quelli che si votano al diavolo perché delusi da dio,
    quelli che pregano per far piovere,
    quelli che pregano per vincere al lotto,
    quelli che pregano perché non sia aids,
    quelli che si cibano del loro dio fatto a rondelle,
    quelli che non pisciano mai controvento,
    quelli che fanno l'elemosina per guadagnarsi il cielo,
    quelli che lapidano il capro espiatorio,
    quelli che sgozzano le pecore,
    quelli che sperano di sopravvivere nei loro figli,
    quelli che sperano di sopravvivere nelle loro opere,
    quelli che non vogliono discendere dalla scimmia,
    quelli che benedicono gli eserciti,
    quelli che benedicono le battute di caccia,
    quelli che cominceranno a vivere dopo la morte:
    quelli che non possono vivere senza un papà natale
    e senza un padre castigatore,
    quelli che guazzano come vermi di terra,
    quelli che amano sentirsi pecore guidate da un pastore:
    vi siete fabbricati un dio perfetto e buono
    ma anche pieno di vizi e difetti.
    Non rompeteci i coglioni!
    Fate i vostri salamelecchi nel segreto della vostra capanna,
    chiudete bene la porta
    e soprattutto non corrompete i ragazzi
    (liberamente tratto da un messaggio del 20-10-09, ore 17,55 a firma Giorgio Sodano, sul sito di Beppe Grillo)

    # 48 · Commento pubblicato il 11 novembre 2009 alle 19:16 · Torna al post ↩
  49. il Gambero Rotto:

    Bello denso il tuo commento, gentile Salvo. Con cui non potrei non concordare, se quello alla spiritualità non fosse l’anelito, il bisogno forse più potente e profondo dell’uomo. Bisogno che, per quanto mi riguarda, è pienamente soddisfatto dalla mia conversione al pastafarianesimo, unito alla pratica di riti orfici legati alla figura di Mara Maionchi.

    # 49 · Commento pubblicato il 12 novembre 2009 alle 10:02 · Torna al post ↩
  50. dizaon:

    ecco proprio quello che mi serviva per creare le mie poesie, se ti presto il foie gras, mi presti quell'AGP (Aggeggio Generatore di Poesie)? Merci...

    # 50 · Commento pubblicato il 3 marzo 2010 alle 08:39 · Torna al post ↩
  51. Ema:

    Meraviglioso.
    Mi sono permesso di linkarlo sul mio blog, spero non sia un problema.
    Non ho parole. Fantastico.

    # 51 · Commento pubblicato il 26 aprile 2010 alle 12:26 · Torna al post ↩
  52. il Gambero Rotto:

    Nessun problema, gentile Ema, nessun problema. Anzi.
    Benvenuto e grazie.

    # 52 · Commento pubblicato il 27 aprile 2010 alle 13:57 · Torna al post ↩
  53. Giovanni:

    Questo software è approvato dalla CEI o almeno da Rondoni?

    # 53 · Commento pubblicato il 14 maggio 2010 alle 11:44 · Torna al post ↩
  54. il Gambero Rotto:

    Rigiro la domanda, gentile Giovanni. Chi approverebbe questo software, essendo nel pieno possesso delle proprie facoltà mentali?

    # 54 · Commento pubblicato il 14 maggio 2010 alle 13:37 · Torna al post ↩
  55. kalimero:

    mare da splamare
    ministre da pascolare
    presidente da(fa)rigettare
    borghes-io da non annusare
    fuori-bondi fino a inveire

    # 55 · Commento pubblicato il 12 luglio 2010 alle 10:03 · Torna al post ↩
  56. Demart:

    Gambero, si è rotto il Bondolizer?

    # 56 · Commento pubblicato il 12 ottobre 2010 alle 20:22 · Torna al post ↩
  57. il Gambero Rotto:

    Grazie mille della segnalazione, caro Demart: il Bondolizer ha effettivamente smesso di funzionare, a causa di un aggiornamento di WordPress. Ti devo una cena!

    # 57 · Commento pubblicato il 13 ottobre 2010 alle 13:30 · Torna al post ↩
  58. Il cittadino.:

    Nella nostra amata Sicilia gira una simpatica quartina che sembra fatta apposta per Bondi:

    Curta la cigna
    longa la cudera
    l´uomu quannu ie minchia
    pari all´ura

    ( É relativo all´uso del basto su una cavalcatura, con una cinghia troppo corta e un sottocoda troppo lungo.
    Perifrasi adattabile per qualsiasi atto stupido e sconsiderato dell´umana gente.)

    # 58 · Commento pubblicato il 22 ottobre 2010 alle 22:51 · Torna al post ↩
  59. BENITO:

    NON FUNZIONA BENE.. INVIO MA SPARISCONO...
    RIPROVIAMO NUOVAMENTE...
    Ciiiiaaaaaaoooooooooooo oo o o oo!!! !
    CIAOOOOOOOOOOOOOOO O O O... ............ . . ((*_._*))Ciao !

    # 59 · Commento pubblicato il 28 ottobre 2010 alle 23:09 · Torna al post ↩
  60. Andrea:

    Essere o non essere
    pertugio peloso
    vite evitate
    vite avvitata
    ciste infettata
    elegia spenta
    sono le 18 e 30
    devo uscire...

    # 60 · Commento pubblicato il 31 ottobre 2010 alle 19:14 · Torna al post ↩
  61. Francesco Bonazzi:

    ha scritto su Agorà Magazine e ha linkato
    Il Gambero Rotto
    Il generatore di poesie di Sandro Bondi in “Poetiamo alla Bondi. Pompei crolli Ruby alluvioni
    maltempo piove e Scazzi di Governo” http://www.agoramagazine.it/agora/spip.php?article12261

    # 61 · Commento pubblicato il 11 novembre 2010 alle 04:11 · Torna al post ↩
  62. alfiere:

    Dal Florilegio bondiano manca L’Inno a Capezzone. Provvedo a emendare la macchia.

    Nefasto leccacu..
    Nel cuore solo m….
    Enfatico e arrogante
    Vile voltagabbana
    Bugiardo fin negl’ossi

    Chiedo scusa per la brevità, ma ditemi se c’è qualcosa di sbagliato.

    # 62 · Commento pubblicato il 25 novembre 2010 alle 01:12 · Torna al post ↩
  63. Diego:

    A Piertrota Berlusconi in Bossi

    Indomito barbone poligrafo
    agnostici pensieri
    nell' obnubilata mente
    cupi interrogativi
    nel capo bisunto
    "assumere alka seltzer?"
    la risposta olezza fugace...... CAPACE!

    # 63 · Commento pubblicato il 25 novembre 2010 alle 17:28 · Torna al post ↩
  64. RAEL:

    Bella pensata!
    Ha un chè di dadaista e di orwelliano.

    # 64 · Commento pubblicato il 10 marzo 2011 alle 22:53 · Torna al post ↩
  65. RAEL:

    A Piersilvio Mangano”

    Sul tuo labbro fiammante umiltà
    sul tuo seno processo della gioia.
    Erezione del Presidente
    giocoso singulto
    bunga bunga alla livornese

    Il terzo e l'ultimo verso vanno oltre il sublime...

    # 65 · Commento pubblicato il 10 marzo 2011 alle 22:57 · Torna al post ↩
  66. pietro:

    qualcuno mi potrebbe fare una poesia con le seguenti parole: lima, clima, cima, prima, esprima, stima e dapprima. per favore

    # 66 · Commento pubblicato il 31 gennaio 2013 alle 16:26 · Torna al post ↩
  67. il Gambero Rotto:

    Difficile, gentile Pietro. Presumo che il nostro Vate comporrebbe qualcosa del genere:

    A Pierignazio Ingroia

    dapprima prescrizione
    altrimenti lima
    avvelenato clima
    tempestosa cima
    sussiegoso esprima
    servile stima.
    Prima vera

    # 67 · Commento pubblicato il 1 febbraio 2013 alle 11:29 · Torna al post ↩

Lascia un commento

I tuoi dati.

Hai già lasciato un commento e non riesci ancora a leggerlo?
Prova a ricaricare la pagina premendo Ctrl+F5 (Win) o Cmd+Shift+R (Mac).

Trackbacks & pingbacks

  1. [...] web, c’è un tipo che ha studiato le poesie di Bondi, e ha creato il generatore di poesi. Un link lo [...]

    Pingback by Il post della cultura » Pascal Allegra
    Ricevuto il 16 maggio 2008 alle 14:52

  2. [...] poesie di Sandro Bondi; [...]

    Pingback by Generatori a volontà « Il partigiano culturale
    Ricevuto il 17 agosto 2008 alle 20:32

  3. [...] Sapevo che questo momento sarebbe arrivato. Il mio impegno a favore della cultura italiana ha finalmente trovato il suo riconoscimento: sono stato infatti invitato a partecipare a Jalla! Jalla!, trasmissione pomeridiana di Radio Popolare Network, in veste di autore del famigerato Bondolizer, il generatore automatico di poesie di Sandro Bondi. [...]

    Pingback by Il Gambero Rotto on air su Radio Popolare - Il Gambero Rotto
    Ricevuto il 13 ottobre 2008 alle 12:56

  4. [...] così potrete anche voi essere poeti e finire su una rivista come il nostro omino di pastafrolla! Il generatore di poesie di SandroBondi - Il Gambero Rotto Ecco un esemipio delle stupefacienti capacità del Bondolize: “A Pierveronica Berlusconi” [...]

    Pingback by Bondolize! - CZeTa Forum
    Ricevuto il 15 ottobre 2008 alle 13:35

  5. [...] per il Bondolizer 1.0 beta «Di Bondi non ce n’è uno solo». Prima le donne ed i [...]

    Pingback by Il Gambero Rotto su Vanity Fair - Il Gambero Rotto
    Ricevuto il 23 ottobre 2008 alle 12:50

  6. [...] Commento Ci mancava, e finalmente c’è: il generatore automatico di poesie di Bondi, o Bondolizer, o Automated Bond River [...]

  7. [...] Bondi zu verzichten. Oder auf den elektronischen Nachbau seiner poetischen Ader, dem Bondolizer (Danke [...]

    Pingback by Trash TV und Mister G « Laurin’s Garden
    Ricevuto il 3 marzo 2009 alle 22:20

  8. [...] Il generatore di poesie di SandroBondi - Il Gambero Rotto “A Pierpamela Formigoni in Berlusconi” “Incantevole desiderio. Mistero massonico vigoroso [...]

    Pingback by Notizia Il generatore di poesie di Sandro Bondi - CZeTa Forum
    Ricevuto il 11 marzo 2009 alle 12:31

  9. [...] Spero non sia considerato spam, non si può estrapolare dal blog: Bondolizer [...]

    Pingback by L'angolo delle cazzate - Page 161 - Videogiochi Forum su Multiplayer.it
    Ricevuto il 31 marzo 2009 alle 09:29

  10. [...] il BONDOLIZER ! Come da dopico, fatevi le vostre poesie con il generatore poetico di Bondi ! Il generatore di poesie di SandroBondi - Il Gambero Rotto Eccovi una perla del generatore: “A Pierrenato Bossi” Sul tuo grembo stoico meriggiare. [...]

    Pingback by Siamo lieti di presentarvi il BONDOLIZER !
    Ricevuto il 10 giugno 2009 alle 22:07

  11. [...] (*¹si ringrazia per l’aiuto il Bondolize) [...]

    Pingback by Coming soon: sogno un autarchico/8 « non si capisce
    Ricevuto il 11 giugno 2009 alle 19:14

  12. [...] Non sembra una poesia? Quel “born jelly boob” finale….fa proprio Spoon River, un destino sinistro allocato alla nascita che si intuisce drammatico, ma misteriosamente tale. E quello “spiky puce”? Poi è Spiky puce punto. Spiky puce e basta. Un’affermazione di esistenza. Ma da dove vengono ste robe? Come arrivano nella mia protettissima casella email dell’ufficio (che di tanti posti dovrebbe essere il più sicuro…)? Ora che ci penso, più la leggo, più mi sembra non una mail di spam, ma una poesia di Bondi. [...]

    Pingback by Poesia nella spazzatura « Zappearatri2
    Ricevuto il 22 giugno 2009 alle 10:14

  13. [...] cestinato una delle sue fantastiche poesie Se ti piacciono le sue poesie beccati questo: Il generatore di poesie di SandroBondi - Il Gambero Rotto [...]

    Pingback by una considerazione - Pagina 3
    Ricevuto il 23 giugno 2009 alle 16:10

  14. [...] Testimonial (che di testimoni non ce ne sono mai abbastanza) di HollywoodMilano? Portavoce del Pdl? Poeta haijin su Vanity? Di sicuro ne sentiremo parlare a lungo (sempre che non venga rapito da qualche milizia [...]

    Pingback by Baciassimo i piedi
    Ricevuto il 4 luglio 2009 alle 13:25

  15. [...] poesie di Sandro Bondi; [...]

  16. [...] Boldi, hops, Bondi. Per la serie, continuiamo a inventare quello che non esiste: E' un fake! Il generatore di poesie di Sandro*Bondi - Il Gambero Rotto Come al solito! Idiozie! Proprio il confronto democratico non sapete cosa sia. Peccato _ _ _ [...]

    Pingback by Le poesie di Boldi, hops, Bondi. - TartaPortal Forum
    Ricevuto il 19 luglio 2009 alle 01:53

  17. [...] se sentite che queste ufficiali non vi soddisfano, ebbene, grazie al Bondolizer 1.0 di gamberorotto potrete finalmente avere a vostra disposizione infinite poesie Bondiane. Vi lascio [...]

    Pingback by Generatori - Quando la poesia è tutto: Bondolizer 1.0
    Ricevuto il 28 luglio 2009 alle 14:42

  18. [...] (ha pubblicato anche un libro) ne ho lette alcune e sono tristemente pessime, legandomi a questo, ecco una meraviglia che mi sono ricordato di avere tra i preferiti, è un generatore di poesie di Bondi, giusto per [...]

    Pingback by Bondi e le poesie, il Bondolize! « L’Italietta
    Ricevuto il 7 settembre 2009 alle 17:18

  19. [...] Rassegna Stagna è lieta di invitarvi a provare il Bondolizer 1.0, generatore automatico di poesie di Sandro Bondi. Come segnalato dal Blog Gambero rotto, lo farete [...]

    Pingback by Ecco a voi il Bondolizer 1.0 | La Rassegna Stagna
    Ricevuto il 2 novembre 2009 alle 19:43

  20. [...] invidia, vi lascio allo stesso amore che qualcun altro prova per SB da F. e anche per noi. Enjoy Bondolizer 1.0 beta! ovvero il generatore automatico di poesie di Sandro Bondi. Ancora non riesco a smettere di [...]

    Pingback by sandro bondi « are you gonna be my copy?
    Ricevuto il 18 novembre 2009 alle 02:51

  21. [...] davanti al naso ha lo stesso nome. Può ospitare le poesie di Bondi – e per fortuna anche il Bondolizer, il generatore automatico di poesie bondiane! – così come carmilla. La novità è, [...]

    Pingback by Dovute considerazioni « L'inevitabile esplosione della plastica
    Ricevuto il 23 dicembre 2009 alle 18:11

  22. [...] Se proprio non potete restare senza il Sommo, comunque, potete provare con questo utilissimo strumento, che tuttavia difetta dell’eccelsa profondità [...]

    Pingback by Bonditudine | intersettiva.it
    Ricevuto il 15 gennaio 2010 alle 02:04

  23. [...] Il generatore di poesie di Sandro Bondi, Automated “Bond River Anthology” [...]

  24. [...] Il generatore di poesie di Bondi: Il bondolizer [...]

    Pingback by Creature « STONEHENGE
    Ricevuto il 19 maggio 2010 alle 16:22

  25. [...] Per gentile concessione del Gambero Rotto [...]

    Pingback by Il generatore di poesie di Sandro Bondi « Hotel del Disinganno
    Ricevuto il 3 luglio 2010 alle 12:14

  26. [...] [...]

    Pingback by Bondi o non Bondi - I Forum di Investireoggi
    Ricevuto il 31 agosto 2010 alle 14:55

  27. [...] [...]

    Pingback by Anonimo
    Ricevuto il 28 novembre 2010 alle 22:17

  28. [...] collocamento del ministro Bondi. GOSSIP E NON SOLO. Sandro bondi, la famiglia e la bella bulgara. Il poeta. La poesia e lo spirito. Sandro bondi si separa. Mio marito: parla ex moglie. PICCOLE PERLE. Prima e [...]

  29. [...] l’altro l’autore di questo splendido blog ha creato un generatore casuale di poesie alla Bondi, detto Bondolizer per l’appunto, che vi [...]

    Pingback by Uccidere la Cultura « madaboutrino
    Ricevuto il 27 gennaio 2011 alle 14:15

  30. [...] Fair insieme alle poesie del generatore automatico Bondolizer ideato da Il Gambero Rotto – Link (Sfogliate la gallery per vederle [...]

    Pingback by Sandro Bondi si dimette: il Best Of delle sue poesie | Bonsai TV
    Ricevuto il 4 marzo 2011 alle 10:05

  31. [...] Comunque, non vi preoccupate, la speranza è che torni a deliziarci con la sua poetica rubrica su Vanity Fair. In ogni caso, qui, abbiamo sempre un bel generatore automatico [...]

  32. [...] Gambero Rotto (cui la nostra cultura sarà nei secoli grata per l’invenzione del Bondolizer, il generatore automatico di poesie di Sandro Bondi) mi ha fatto l’onore di tornare a [...]

    Pingback by Grazie « GattoMur's Weblog
    Ricevuto il 7 maggio 2011 alle 13:39

  33. [...] rete esiste un tool che  genera componimenti del ministro in modo completamente automatizzato, il Bondolizer. Non state lì adesso a fare i sarcastici e gli snob… siamo nella società [...]

    Pingback by I nuovi mostri: le licenze poetiche di Sandro Bondi. « Aramcheck
    Ricevuto il 24 dicembre 2011 alle 16:01

  34. [...] a seguire Bondolizer (un generatore di poesie di Sandro Bondi), un generatore di discorsi politici, un generatore di [...]

    Pingback by Generatori automatici di stronzate | Stampolampo Blog
    Ricevuto il 22 giugno 2013 alle 12:33

  35. […] Il Bondolizer 1.0 beta! […]

    Pingback by Instagramellini - Il Gambero Rotto
    Ricevuto il 8 novembre 2013 alle 23:52